Pagare per leggere sul web?

“La battaglia tra la grande G e l’editoria continua. Questa volta a sferrare l’offensiva è Rupert Murdoch, che in un’intervista rilasciata a Sky News Australia ha dichiarato che presto i siti web dei giornali del suo impero diventeranno – per così dire – invisibili per gli spider di Google.

 Una decisione, quella annunciata oggi, che ben si accorda con le critiche mosse da Murdoch nei confronti degli aggregatori di news, che – secondo lui – sono sostanzialmente dei cleptomani, ladri di contenuti che vivono come parassiti addosso a chi le notizie le produce realmente. In pratica, quindi, se davvero il tycoon procederà con l’oscuramento, le notizie di testate come il Sun, il Times o il Wall Street Journal non saranno più indicizzate dal motore di Mountain View e non compariranno più tra i risultati delle ricerche. Il tutto, però, solo a partire dal momento in cui i contenuti online dei media di News Corp saranno accessibili solo a pagamento.”

Fonte: Corriere.it

Pagare per leggere le news. Pagare sul web, il “luogo” dove da sempre tutto è gratuito, dove la libertà è il must. Saranno capaci di convincerci a pagare? Ci costringeranno? Sono sicura che a breve l’escamotage si rincorrerà sui blog.

Pagare per leggere sul web?ultima modifica: 2009-11-09T22:05:17+00:00da aeneida
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Pagare per leggere sul web?

  1. no gen, secondo me i libri non scompariranno.
    o forse lo spero, perchè sono l’unica cosa alla quale non potrei farne a meno… sfogliarli, rigirarli, annusarli, maneggiarli.

    invece penso che i giornali saranno a brevissimo soppiantati..
    i tg no, perchè credo che per ancora tantissimi anni la tv sarà medium seguitissimo.

  2. Sul fatto dei libri ok sono daccordo.
    In effetti la televsione s e condo me sara’ relegata all’infomarzione truccata e facilmente manipolabile, invece internet ha piu punti di vista piu sfaccettature , piu’ libera se si puo’ dire cosi’ (almeno per il momento), ma noi siamo la prima generazione di internet, tra 50 anni sara’ tutto diverso.

  3. Io pagherei per leggere delle news sul web solo se mi offrissero un servizio davvero di qualità con approfondimenti. Non mi va di pagare per un flash di agenzia.

    Io spero che il web non soppianti nè i giornali nè i libri. Leggere, giornale o libro che sia, è anche un piacere. Per me una cosa diventa piacevole quando spengo il pc. Sono quasi sempre a computer o per studio e per lavoro e mi dispiacerebbe davvero molto starci anche per leggere un libro. Non sarebbe per nulla rilassante.

Lascia un commento